Squalo balena, scienziati scoprono che possiede occhi “corazzati” con minuscoli denti

L’occhio dello squalo balena è ricoperto in parte da piccolissimi “denti” che proteggono il bulbo oculare (credito: Tomita T, Murakumo K, Komoto S, Dove A, Kino M, Miyamoto K, et al. (2020) PLoS ONE)

Gli squali più grandi del mondo, gli squali balena (Rhincodon typus), possiedono minuscoli denti che circondano i loro occhi per proteggere il bulbo oculare. È l’interessante scoperta che hanno fatto con ricercatori del Centro di ricerca Churashima di Okinawa, in Giappone, guidati da Taketeru Tomita, che hanno pubblicato uno studio su PLOS ONE in cui hanno analizzato anatomicamente questo animale acquatico in parte ancora misterioso.

Si tratta di sporgenze simili ai denticoli dermici che coprono la pelle dello squalo per proteggerla e per far sì che il corpo dello stesso animale possa notare più silenziosamente e più velocemente nell’acqua.
Questi piccoli dentelli che sporgono dall’orbita dell’occhio sostituiscono la palpebra (che gli squali balena non possiedono) e sono praticamente l’unico meccanismo di protezione degli occhi e del bulbo oculare.

Probabilmente gli scienziati non se ne sono mai accorti prima in quanto è tradizionalmente difficile studiare questi animali: sono relativamente rari e ne vengono catturati pochissimi. I ricercatori giapponese hanno potuto approfittare di un recente programma di cura degli squali balena negli acquari. Li hanno analizzati ed hanno realizzato anche alcuni esemplari morti usando particolari tecniche per esaminare la morfologia di questa sorta di barriera protettiva degli occhi scoprendo che questi ultimi erano “corazzati” in maniera unica.

I ricercatori,in questo studio, hanno inoltre mostrato che lo squalo balena ha una capacità unica di ritrarre il bulbo oculare nell’orbita tanto che la distanza di retrazione è stata calcolata in quasi la metà del diametro dell’occhio stesso. Una caratteristica, quest’ultima, presente solo in alcuni vertebrati noti per i loro occhi ad altissima ritrazione.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook