Strana formazione a spirale di scheletri umani trovata in Messico

La strana disposizione a spirale degli scheletri ritrovati in Messico (credito immagine: Mauricio Marat, INAH)

Lo strano ritrovamento di un gruppo di scheletri umani disposti in una inusuale formazione a spirale è avvenuto in Messico e la cosa confonde non poco scienziati e paleoantropologi. È proprio la particolare disposizione a spirale con forma circolare a risultare un enigma.
La prima spiegazione che è venuta in mente ai ricercatori è stata quella di un particolare rituale con sepoltura avvenuto all’incirca 2400 anni fa.

Gli scheletri, che in totale sono una dozzina, comprendono anche resti di bambini e sono stati scoperti in una sorta di piccola fossa comune in un villaggio messicano vicino Tlalpan. Si tratta, a detta degli stessi ricercatori, della più strana scoperta fatta da quando sono iniziati gli scavi nel sito di Tlalpan nel 2006.
Gli scheletri sono stati scoperti durante degli scavi avvenuti sotto un edificio, che un tempo fungeva da dormitorio per sacerdoti, nella zona dell’odierno campus della Reale e Pontificia Università del Messico, secondo quanto annunciato dall’Istituto Nazionale di Antropologia e Storia messicano.

Tra gli scheletri si trovano quelli di alcuni bambini con un’età compresa tra i tre e i cinque anni e anche quello di un bambino di circa un mese di età.
La formazione ricorda quella di una ruota con un punto concentrico nella parte centrale e i corpi disposti ai lati. Secondo i ricercatori il rituale sarebbe da considerarsi in onore di un qualche dio venerato dalle popolazioni native messicane dell’epoca.

Secondo una ricercatrice impegnata nei lavori di scavo, Jimena Rivera Escamilla, la disposizione fa pensare ad una sorta di cerchio della vita che parte dal bambino di un mese per finire con lo scheletro di una persona adulta, probabilmente la più anziana del gruppo. Tuttavia risulta ancora difficile capire le cause della morte nonché le relazioni che le persone le cui ossa sono state sotterrate in questo modo potessero avere.

Fonti e approfondimenti



Condividi questo articolo

Resta aggiornato su Facebook: clicca su “Mi piace questa pagina”


Commenta per primo

Rispondi