Strana simbiosi tra vermi e batteri scoperta sui fondali marini al largo del Costarica

I ricercatori hanno trovato vermi consumatori "di terza mano" di metano sui fondali marini al largo del Costarica (credito: Alvin/WHOI)

Una strana “simbiosi” tra vermi e batteri sul fondo del mare è stata scoperta da un team di ricercatori del Caltech e dell’Occidental College, una scoperta che mostra quanti misteri circondino ancora gli habitat sottomarini degli abissi.
I ricercatori hanno scoperto che i batteri della famiglia dei metilococchi (Methylococcaceae), batteri che riescono ad ottenere la propria energia dal metano (sono metanotrofi), si servono dei particolari organi respiratori di vermi Laminatubus e Bispira che vivono sul fondo del mare.

I vermi, lunghi pochi centimetri, si trovano infatti in gran numero nei pressi delle infiltrazioni di metano negli abissi marini, vere e propria “prese d’aria” sui fondali dove idrocarburi come il metano trasudano letteralmente all’interno dell’oceano. I vermi vivono presso queste prese d’aria perché si nutrono degli stessi batteri che a loro volta utilizzano i vermi come “autostoppisti”.
“Questi vermi sono stati a lungo associati alle infiltrazioni, ma tutti presumevano che si nutrissero filtrando i batteri. Invece, scopriamo che stanno collaborando con un microbo per utilizzare l’energia chimica per nutrirsi in un modo che non avevamo considerato”, spiega Victoria Orphan, professoressa di scienze ambientali e geobiologia nonché autrice dello studio che è poi apparso su Science Advances.

Tramite particolari sottomarini robotici, i ricercatori hanno prelevato campioni nei pressi delle prese d’aria di metano da acque profonde fino a 1800 metri. Gli scienziati hanno poi analizzato i tessuti dei vermi interessandosi soprattutto agli isotopi di carbonio che avevano consumato notando che i loro corpi mostravano un rapporto basso tra carbonio-13 e carbonio-12, indizio del fatto che il carbonio proveniva dal metano.

E dato che vermi non sono in grado di elaborare e digerire direttamente metano, i ricercatori hanno pensato che, per ottenere il carbonio, ingerissero i batteri metanotrofi.
“Il fatto che abbiamo trovato questo specifico isotopo di carbonio in tutti i corpi dei vermi e non solo nei loro pennacchi respiratori indica che stanno consumando carbonio di metano da questi batteri”, spiega ancora la Orphan.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook