Temperature troppo alte possono raddoppiare o triplicare morti cardiovascolari

Temperature troppo calde possono arrivare a raddoppiare se non a triplicare i decessi umani correlati alle patologie cardiache. È di questo parere un nuovo studio apparso su Circulation , la rivista dell’American Heart Association.
Per giungere a questa conclusione i ricercatori hanno analizzato i momenti più caldi degli ultimi anni in Kuwait, uno dei paesi notoriamente più caldi del pianeta.

Hanno analizzato anche quella che è stata la temperatura più alta registrata sulla superficie terrestre negli ultimi 76 anni, 53 °C, recentemente registrata in un’area del Kuwait. In questa regione la temperatura ambientale media è di 27,8 °C. Contemporaneamente ricercatori hanno analizzato gli oltre 15.000 decessi cardiovascolari nel paese registrati dal 2010 al 2016 per i soggetti con un’età pari o superiore ai 15 anni.
I ricercatori notavano una netta correlazione tra i picchi di temperatura più alti e i numeri di persone morte per questa causa.

I ricercatori scoprivano anche che gli uomini risultavano più colpiti dalle temperature estreme con un tasso di 3,5 volte superiore a quello delle donne.
Durante questi picchi estremi dicaldo, le persone in età lavorativa (dai 15 ai 64 anni) mostravano un tasso di mortalità tre volte superiore.
“Mentre cardiologi e altri medici si sono giustamente concentrati su fattori di rischio tradizionali, come dieta, pressione sanguigna e consumo di tabacco, i cambiamenti climatici possono esacerbare il peso della mortalità cardiovascolare, in particolare nelle regioni molto calde del mondo”, spiega Barrak Alahmad, scienziato dell’Università del Kuwait e uno degli autori dello studio.

Quando c’è un caldo molto alto, il corpo aziona alcuni meccanismi di raffreddamento e tra questi c’è quello che vede lo spostamento del sangue dagli organi all’area sotto la superficie della pelle.
Ciò induce il cuore a pompare più sangue e quindi anche ad uno stress più alto.
Ciò potrebbe portare nelle aree più soggette al caldo del nostro pianeta ad un aumento della morte per cause legate al cuore.

“Il riscaldamento del nostro pianeta non è distribuito uniformemente. Regioni che sono intrinsecamente calde, come il Kuwait e la penisola arabica, stanno assistendo a impennate della temperatura mai viste prima. Stiamo suonando un allarme relativo al fatto che le popolazioni in questa parte del mondo potrebbero essere a rischio più elevato di morire per cause cardiovascolari a causa del calore”, spiega ancora Alahmad. “Anche se non possiamo rilevarlo da queste analisi, gli uomini e le persone in età lavorativa potrebbero aver avuto un rischio maggiore a causa del trascorrere più tempo all’esterno. Dobbiamo esplorare ulteriormente questa relazione e prendere in considerazione strategie preventive serie che potrebbero ridurre l’impatto dell’aumento delle temperature sulla nostra salute”.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook