Terapia sostitutiva della nicotina più vareniclina per smettere di fumare “efficace” secondo studio

Le terapie per smettere di fumare tramite farmaci più efficaci, secondo un nuovo comunicato emesso oggi sul sito dell’Università di Bristol, sarebbero quelle combinate. In particolare i ricercatori si riferiscono alla terapia combinata con vareniclina più terapia sostitutiva della nicotina (NRT).[1] Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Addiction.

Trattamenti più importanti basati sui farmaci per smettere di fumare

Tra i trattamenti più importanti basati sui farmaci per smettere di fumare più raccomandati ci sono, secondo quanto spiega il comunicato, quelli con Vareniclina, con bupropione e la suddetta terapia sostitutiva della nicotina (raccomandazioni del National Institute for Health and Care Excellence, NICE). I ricercatori hanno voluto capire l’efficacia proprio di questi trattamenti, in particolare quando combinati.[1]

Vareniclina come monoterapia oppure la vareniclina più terapia sostitutiva della nicotina

I ricercatori hanno scoperto che la vareniclina come monoterapia oppure la vareniclina più la NRT sono tra le terapie più efficaci. Per quanto riguarda il bupropione, anche quest’ultimo si rivela efficace anche se può essere collegato a rischi un po’ più grandi di incorrere in eventi avversi gravi.[1]

E le sigarette elettroniche sono utili per smettere di fumare?

I ricercatori hanno analizzato anche l’utilità delle sigarette elettroniche per smettere di fumare ed hanno trovato “risultati promettenti” ma ammettono che ulteriori studi debbono essere fatti per capire davvero il loro livello di sicurezza. Lo stesso comunicato ricorda che terapie combinate e sigarette elettroniche non sono comunque attualmente autorizzate nel Regno Unito e potrebbero in effetti influenzare i trattamenti raccomandati.[1]
Kyla Thomas, ricercatore della Bristol Medical School l’autore principale dello studio, proprio riguardo alle sigarette elettroniche ritiene che dovrebbero essere fatti studi “con interventi attivi come comparatori”.[1]

Da capire anche l’utilità della consulenza psicologica

Inoltre ulteriori approfondimenti andrebbero fatti per quanto riguarda i trattamenti farmacologici combinati per smettere di fumare eseguiti insieme a sedute di consulenza o a interventi psicologici.
Michael Dalili, altro ricercatore presso lo stesso istituto, ritiene che questi risultati “dovrebbero rassicurare i pazienti, i medici e i responsabili politici sulla sicurezza di questi trattamenti”.[1]

Note e approfondimenti

  1. October: Smoking cessation therapies | News and features | University of Bristol (IA)

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un blog, non un sito di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Data articolo