Trapiantati cuori di maiale in due cadaveri: nessun segno di rigetto precoce

Credito: Agência Brasília, flickr, Creative Commons — Attribution 2.0 Generic — CC BY 2.0

Sembrano essere riusciti, visto che gli stessi ricercatori non hanno notato segni di rigetto precoce, i due xenotrapianti realizzati da un team del Tisch Hospital della NYU Langone guidato da Nader Moazami, direttore del reparto chirurgico di trapianti di cuore. Il team è riuscito a trapiantare due cuori di maiale geneticamente modificati nei corpi di due persone decedute da poche ore ancora sotto ventilatore.

I due trapianti sono stati effettuati 19 giugno 2022 e il 9 luglio 2022. Il team ha monitorato l’attività cardiaca dopo il trapianto per tre giorni e non ha notato segni di rigetto precoce: i cuori degli animali, una volta innestati nel corpo dei due soggetti umani morti, continuavano a funzionare in maniera anormale con il supporto dei farmaci standard che si utilizzano dopo i normali trapianti tra umani ma senza supporti meccanici aggiuntivi. I ricercatori non hanno neanche rilevato segni del citomegalovirus suino (pCMV) e sono state seguite tutte le procedure per evitare la trasmissione zoonotica del retrovirus endogeno suino (PERV).

I maiali da cui sono stati prelevati i due cuori erano modificati geneticamente. Nello specifico avevano subito 10 modificazioni genetiche tra cui quattro procedure “knockout” su specifici geni onde prevenire il rigetto e la crescita anormale degli stessi organi. Il comunicato del NYU Langone specifica che non sono stati usati, durante la procedura, dispositivi o farmaci sperimentali e che le varie fasi, inclusa quella del trasporto oltre che quella immunosoppressiva, erano quelle che si mettono in atto nei normali trapianti di cuore clinici.

Moazami spiega che l’obiettivo è proprio quello di integrare tutte quelle pratiche che si utilizzano nei normali trapianti di cuore tra esseri umani utilizzando un organo non umano. Lo scopo ultimo è sempre lo stesso, come spiega Robert Montgomery, presidente del Dipartimento di Chirurgia presso la NYU: contrastare la carenza degli organi per i trapianti umani: “Il paradigma della donazione di tutto il corpo, quando la donazione di organi non è un’opzione praticabile, è fondamentale per portare avanti questo lavoro. Siamo così grati alle famiglie che si offrono volontari per partecipare a questa ricerca, che porterà a salvare migliaia di vite in più”.[1]

Note e approfondimenti

  1. Successful Heart Xenotransplant Experiments at NYU Langone Set Protocol for Pig-to-Human Organ Transplants | NYU Langone News
Condividi questo articolo

Disclaimer notizie

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile di altri siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Notizie scientifiche.it usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione (Leggi di più)

notiziescientifiche.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un blog di notizie, non un sito di consigli medici. Leggi anche il disclaimer medico.

Dati articolo