Trasfusioni con globuli rossi freschi non più utili di quelle con globuli rossi più anziani

Usare globuli rossi freschi nelle trasfusioni per i bambini in condizioni critiche non offre vantaggi particolari, rispetto all’utilizzo di sangue con globuli rossi più anziani, secondo un nuovo studio finanziato dal National Heart, Lung, and Blood Institute (NHLBI), parte dei National Institutes of Health statunitensi.

Secondo gli stessi ricercatori che hanno realizzato lo studio, che è apparso oggi sul Journal of American Medical Association, i medici dovrebbero dunque essere rassicurati sul fatto che eseguire trasfusioni con globuli rossi più anziani risulta parimenti sicuro ed efficace anche nei bambini oppure nei pazienti più malati e fragili.

“I nostri risultati indicano che i medici non dovrebbero avere paura di usare i globuli rossi più anziani nei bambini in condizioni critiche”, afferma chiaramente Philip Spinella, uno degli autori dello studio e ricercatore presso la Scuola di Medicina dell’Università Washington di Saint Louis.
Si tratta di una buona notizia anche per le banche del sangue che, secondo lo stesso ricercatore, a seguito dei risultati di questo studio, dovrebbero sentire meno “pressione” in risposta alle richieste di globuli rossi freschi.

Le trasfusioni con globuli rossi freschi, infatti, vengono di solito somministrate a bambini in condizioni critiche nonostante poi alla fine manchino studi clinici che sostengano la tesi secondo cui globuli rossi più freschi siano più benefici per questi pazienti rispetto ai globuli rossi più anziani.
I ricercatori dietro questo studio hanno utilizzato i dati di pazienti in condizioni critiche provenienti da vari paesi tra cui Stati Uniti, Canada, Francia, Israele e la stessa Italia.

I risultati mostravano che i globuli rossi freschi non riducevano l’incidenza di disfunzioni multiple degli organi oppure la morte rispetto all’utilizzo dei globuli rossi più vecchi e che in generale i risultati ottenuti con le trasfusioni non erano significativamente differenti tra i due gruppi.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un sito di notizie, non di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook