Trasmissione di elettricità wireless su lunghe distanze: start-up neozelandese ci crede

Energia elettrica trasmessa in maniera sicura e senza fili su lunghe distanze: è quella cui sta lavorando una start-up neozelandese che ha sviluppato un nuovo metodo per la trasmissione wireless di energia elettrica su lunghe distanze. Non si tratta di una novità in assoluto dato che la trasmissione di elettricità senza fili è stata scoperta da Nikola Tesla che già nel 1890 dimostrò di poter alimentare delle lampadine da più di due km di distanza tramite una grossa bobina. Lo stesso Tesla ci credeva e pensò di poter posizionare delle enormi torri in tutto il globo per trasmettere energia elettrica praticamente ovunque e senza l’onere costoso di installare fili dappertutto.

Ora l’idea ritorna di moda e a crederci è anche la Powerco, che è il secondo più importante distributore di energia elettrica della Nuova Zelanda, che ha appena annunciato di aver investito quote in Emrod. Quest’ultima è una start-up che ha creato una tecnologia per trasferire grandi quantità di elettricità tra due punti qualsiasi a patto che i due punti possano essere uniti con relè che abbiano la stessa linea di vista.
Gli stessi tecnici della Emrod prevedono di poter utilizzare questa tecnologia per fornire elettricità in luoghi impervi, remoti o comunque non raggiungibili, ad esempio quelle separate da un terreno sul quale non è possibile stendere dei fili o effettuare lavori di alcun tipo. E questo senza parlare dei vantaggi con eventuali parchi eolici al largo del mare per i quali vengono di solito installati costosissimi cavi sottomarini.

Attualmente l’azienda ha costruito un dispositivo di dimensioni limitate ma prevede di costruirne uno più grande e più funzionale per la Powerco entro ottobre.
Il dispositivo poi sarà testato per diversi mesi prima di una prova sul campo. Almeno inizialmente, il dispositivo sarà in grado di fornire solo pochi kilowatt di potenza ma è costruito in modo da poter essere ridimensionato tanto che Greg Kushnir, fondatore di Emrod, parla di un trasferimento di elettricità 100 volte maggiore su distanze molto lunghe.

Il sistema vanta un’antenna trasmittente, diversi relè e una antenna ricevente che converte l’energia delle microonde in elettricità. Una barriera di sicurezza laser a bassa potenza, poi, interrompe immediatamente la stessa trasmissione di elettricità nel momento esatto in cui qualsiasi oggetto, ad esempio un uccello o un drone, attraversa il raggio. Lo stesso sistema funziona con qualsiasi condizione atmosferica, anche con pioggia, neve e polvere e ciò che serve è solo una linea di vista libera e continua tra i relè collegati tra loro. Potenzialmente, il sistema può trasmettere elettricità anche per migliaia di km ad una frazione dei costi che si avrebbero con una normale infrastruttura.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook