Troppo caffè può aumentare rischio di insorgenza del mal di testa secondo un nuovo studio

Un altro studio, stavolta apparso sull’The American Journal of Medicine, affronta il tema dell’assunzione di quantità troppo elevate di caffè ogni giorno.
Secondo la nuova ricerca bere troppo caffè ogni giorno può rivelarsi un “potenziale fattore scatenante dell’emicrania in quel giorno o il giorno seguente”, come riferito nell’abstract dello studio stesso.

È la stessa Elizabeth Mostofsky, ricercatrice presso l’Harvard T.H. Chan School of Public Health ed autrice principale dello studio, a spiegare i risultati: “In base al nostro studio, bere una o due bevande contenenti caffeina in un giorno non sembra essere collegato allo sviluppo di un mal di testa, tuttavia, tre o più porzioni possono essere associate a una maggiore probabilità di sviluppare un mal di testa”.

I ricercatori si sono avvalsi di risultati ottenuti con 98 persone adulte che soffrivano di emicrania episodica. Gli stessi partecipanti dovevano riportare varie informazioni tra cui l’assunzione giornaliera di caffè o di bevande contenenti caffeina nonché altre informazioni riguardanti i loro stili di vita e gli episodi di emicrania.

Le persone prese in esame avevano in media cinque mal di testa al mese. Il 66% di esse consumava una o due porzioni di bevande che contenevano caffeina ogni giorno mentre il 12% ne consumava tre o più porzioni.
Nel corso del periodo di studio preso in esame (sei settimane 2016-2017), partecipanti riferivano di aver avuto in media 8,4 mal di testa e tutti riferivano di aver assunto bevande con caffeina in almeno un giorno durante lo studio con una media di 7,9 porzioni ogni settimana.

I risultati, secondo i ricercatori, mostravano che l’impatto di bevande con caffeina sul rischio di mal di testa in un determinato giorno era evidente solo quando si assumevano tre o più porzioni di bevande contenenti caffeina quel giorno.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un sito di notizie, non di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Dati articolo


Resta aggiornato su Facebook