Trovata seconda galassia senza materia oscura

La galassia ultra diffusa NGC 1052-DF4 vista da Hubble sembra non avere materia oscura

Una nuova galassia che sembra non avere materia oscura al proprio interno è stata scoperta dal team guidato dall’astronomo Pieter van Dokkum della Yale University.
Si tratta della seconda galassia ad avere questa strana caratteristica dopo NGC 1052-DF2. I ricercatori hanno ultra usato lo strumento Keck Cosmic Web Imager dei telescopi gemelli Keck, posti nelle isole Hawaii.

Anche questa galassia, denominata NGC 1052-DF4, appartiene allo stesso gruppo di galassie a cui appartiene la precedente (gruppo NGC 1052). Posta ad una distanza di circa 65 milioni di anni luce da noi, assomiglia alla precedente anche in termini di dimensioni, luminosità e morfologia.

È una galassia ultra diffusa (ultra-diffuse galaxies, UDG), ossia galassie relativamente grandi, più o meno come la via Lattea, ma con un numero di stelle minori (all’incirca da 100 a 1000 volte di meno). Proprio per questo le galassie ultradiffuse appaiono traslucide, meno luminose e dunque più difficili da osservare.

Attualmente risulta ancora difficile spiegare la mancanza di materia oscura in queste galassie (anche perché, in sostanza, non sappiamo nemmeno cos’è la materia oscura) ma, come riferisce lo stesso van Dokkum, questa seconda scoperta paradossalmente rafforza la teoria stessa relativa all’esistenza della materia oscura.

Dato che quest’ultima è una sostanza che non interagisce con la materia normale, se non a livello gravitazionale, la scoperta di galassie del genere dimostra che possono essere trovate separatamente.

La sensazione è che, andando avanti con ricerche del genere, relative a zone del cosmo o addirittura galassie dove la materia oscura è sostanzialmente assente, si potrà effettivamente fare un grosso passo avanti nella comprensione di quello che è uno dei più grandi misteri del nostro universo, la natura della stessa materia oscura.

Fonti e approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo


Resta aggiornato su Facebook