Trovato minuscolo frammento di una cometa in un meteorite

La freccia indica il punto in cui è presente la minuscola traccia di cometa all'interno del meteorite LaPaz Icefield 02342 (credito: Carles Moyano-Cambero/Institute of Space Sciences, Barcelona)

Un gruppo di ricercatori del Carnegie Institution of Science e dell’Arizona State University ha scoperto che all’interno di un meteorite primitivo sono presenti minuscole tracce di una cometa. Il meteorite è denominato LaPaz Icefield 02342 dato che fu trovato nell’omonima zona dell’Antartide.
Appartiene ad una classe di meteoriti condriti carbonacei primitivi. Si pensa si sia formato oltre l’orbita di Giove 4,5 miliardi di anni fa e che durante tutto questo tempo abbia subito cambiamenti minimi.

All’interno del meteorite i ricercatori hanno trovato piccole tracce di materiale primitivo molto ricco di carbonio. Questo materiale è molto simile alle particelle di polvere extraterrestre che si pensa abbiano avuto origine nelle comete che si sono formate vicino ai bordi esterni del sistema solare.
Secondo i ricercatori, questo materiale che ora fa parte del meteorite, faceva una volta parte di un piccolo oggetto, della dimensione di un decimo di millimetro di diametro, che a sua volta faceva parte di una cometa. Questo piccolo pezzetto di materiale proveniente dalla cometa è stato poi catturato dall’asteroide.
Da quest’ultimo proviene poi il meteorite che è arrivato sulla Terra.

I ricercatori stavano studiando proprio il meteorite di LaPaz in quanto questi tipi di meteorite possono contenere i cosiddetti grani presolari, microscopici pezzi di polvere di stelle nate prima del sistema solare. Tuttavia nessuno dei ricercatori si aspettava di trovare tracce di un corpo come una cometa all’interno di un meteorite.
Il risultato è stato molto emozionante per i ricercatori, come afferma Jemma Davidson, una delle autrici dello studio.

Questo pezzettino microscopico di cometa, essendo stato inghiottito dall’asteroide, si è conservato pressoché perfettamente ed è stato prodotto anche dalle devastazioni dovute all’entrata nell’atmosfera terrestre. Questo granello microscopico potrà aiutare i ricercatori a capire la chimica delle comete e dunque del sistema solare primitivo.

Fonti e approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Resta aggiornato su Facebook: clicca su “Mi piace questa pagina”

Commenta per primo

Rispondi