Uccelli stanno deponendo uova prima a causa del riscaldamento globale?

Credito: psdgangcreatives, Pixabay, ID: 6397066

Diverse specie di uccelli tendono a costruire i nidi e a deporre le uova fino ad un mese prima rispetto a quanto avveniva 100 anni fa e ciò potrebbe essere collegato ai cambiamenti climatici in corso secondo uno studio condotto da un curatore degli uccelli del Field Museum, John Bates.[1] Lo studio è stato pubblicato sul Journal of Animal Ecology.[2]

Analizzate collezioni museali di uova di uccelli

Il ricercatore ha fatto uso delle uova, alcune delle quali secolari, che sono conservate nelle collezioni del museo notando questa differenza nelle abitudini di riproduzione di diverse specie di uccelli. Fino ad un terzo delle 72 specie analizzate, che nidificano nell’area di Chicago, tendono a deporre le uova prima rispetto a quando le deponevano 100 fa, uno spostamento che è in media di circa 25,1 giorni.

Causa è l’aumento delle temperature?

Secondo i ricercatori che hanno condotto lo studio una causa potrebbe essere l’aumento delle temperature. Per costruire questa ipotesi, dato che non avevano dati coerenti relativi alle temperature dell’area di Chicago per tutto questo periodo, hanno analizzato le varie misurazioni della quantità di anidride carbonica presente nell’atmosfera. Per le misurazioni dell’anidride carbonica atmosferica misurazioni ci sono molti più dati visto che questi ultimi possono essere acquisiti anche tramite le analisi delle composizioni chimiche dei campioni di ghiaccio.
Le fluttuazioni relative alla quantità di anidride carbonica nell’atmosfera sembravano essere collegate ai cambiamenti nella deposizione delle uova per diverse delle specie analizzate.

Piccoli cambiamenti di temperatura possono produrre cambiamenti zoologici notevoli

Si parla, in ogni caso, di cambiamenti di temperatura molto piccoli che comunque sembrano avere avuto un’influenza netta sui comportamenti riproduttivi di queste specie. Secondo i ricercatori sono cambiamenti che bastano ad influenzare la fioritura di diverse piante e questo a sua volta può influenzare le popolazioni degli insetti e quindi la quantità di cibo disponibile per molti uccelli. “La maggior parte degli uccelli che abbiamo osservato mangia insetti e anche il comportamento stagionale degli insetti è influenzato dal clima. Gli uccelli devono spostare le date di deposizione delle uova per adattarsi”, spiega Bates.

Note e approfondimenti

  1. Birds are laying their eggs earlier, and climate change is to blame | Field Museum
  2. Climate change affects bird nesting phenology: Comparing contemporary field and historical museum nesting records – Bates – – Journal of Animal Ecology – Wiley Online Library (DOI: 10.1111/1365-2656.13683)
Condividi questo articolo

Disclaimer notizie

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile di altri siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Notizie scientifiche.it usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione (Leggi di più)

notiziescientifiche.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Dati articolo