Umani moderni si sono incrociati con almeno cinque gruppi di umani arcaici

Un nuovo studio apparso su Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS) ci fornisce alcuni dettagli sui cosiddetti eventi di miscelazione che hanno visto gli uomini moderni unirsi a gruppi diversi di umani arcaici nel corso della propria storia successiva all’allontanamento dall’Africa.

Si pensa che gli esseri umani moderni si siano incrociati con almeno cinque diversi gruppi umani arcaici nel corso della propria storia che li ha visti spostarsi dall’Africa attraverso l’Eurasia fin nel sud-est asiatico e oltre.
Due di questi gruppi arcaici sono noti: i Neandertaliani e il gruppo dei Denisovani. Gli altri restano sconosciuti benché le analisi del DNA mostrano l’unione dei nostri antenati con altre popolazioni diverse.

In particolare, secondo i ricercatori, è stata la zona del sud-est asiatico ad essere un “focolaio di diversità”.
Come specifica João Teixeira, ricercatore presso l’Università di Adelaide il primo autore dello studio, “Questi gruppi arcaici erano molto diffusi e geneticamente diversi e sopravvivono in ognuno di noi. La loro storia è parte integrante di cosa siamo diventati”.

Un esempio è dato dal fatto che le odierne popolazioni mostrano nel proprio DNA circa il 2% del DNA dei Neandertaliani. Questo, ed altri dati di natura genetica, mostra che la mescolanza con gli uomini di Neanderthal deve essere avvenuta quasi subito dopo che i nostri antenati hanno abbandonato l’Africa, in un periodo compreso tra circa 50.000 e 55.000 anni fa da qualche parte nel Medio Oriente.
Tuttavia i nostri antenati, viaggiando più a est, incontrarono e si mescolarono con altri diversi gruppi di umani.

Utilizzando varie informazioni riguardanti queste rotte migratorie, i ricercatori hanno dedotto che un importante evento di miscelazione deve essere avvenuto nelle zone dell’Asia meridionale, nel sud-est asiatico, con un gruppo che è stato denominato “Hominino Estinto 1”.
Altri incroci, probabilmente di minore incidenza, debbono poi essere avvenuti nell’Asia orientale, nelle Filippine e nei pressi dell’isola di Flores, Indonesia, con un altro gruppo che gli stessi ricercatori hanno denominato “Hominino Estinto 2”.

Queste informazioni mostrano che la storia dei nostri antenati una volta che hanno lasciato l’Africa sembra essere molto più complessa di quanto ho dedotto in precedenza e che la regione del sud-est asiatico ha svolto un ruolo molto importante negli eventi di miscelazione che hanno portato agli uomini moderni grazie anche ad un relativo isolamento geografico di queste popolazioni per centinaia di migliaia di anni.
Inoltre queste informazioni fanno dedurre anche che la scomparsa di queste popolazioni umane arcaiche sia avvenuta sostanzialmente in coincidenza con l’arrivo degli umani moderni.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo


Resta aggiornato su Facebook