Un virus per velocizzare i computer del futuro

Credito: SUTD

Un virus per velocizzare i computer? Tra i tanti i metodi e le varie tecnologie, alcune delle quali anche molto futuristiche, ideate e teorizzate per velocizzare e per rendere sempre più efficienti i computer, quella dell’utilizzo di un particolare batteriofago è senza dubbio una delle più originali.
Uno studio, pubblicato su ACS Applied Nano Materials descrive come possibile utilizzare un virus per progettare un tipo migliore di memoria per computer.

Il metodo sarebbe utile in particolare per le memorie a cambiamento di fase, memorie non volatili a stato che sono una via di mezzo tra la RAM, un tipo di memoria molto veloce, e un disco rigido, una memoria più capiente ma più lenta e capace di archiviare a lungo termine. Tuttavia il suo utilizzo ha incontrato nel corso del tempo notevoli vincoli in quanto questo tipo di memoria utilizza un materiale particolare che può cambiare la sua forma, materiale che richiede alte temperature e forti consumi energetici.

Desmond Loke, ricercatore della Singapore University of Technology and Design, uno degli autori dello studio, dichiara che il suo team è riuscito a trovare “un modo per superare questo importante ostacolo utilizzando una tecnologia a filo sottile”. Utilizzando il batteriofago M13, una specie di virus, si possono infatti costruire efficientemente minuscoli fili di germanio-stagno-ossido a bassa temperatura. Secondo lo stesso Loke “Questa possibilità apre la strada all’eliminazione dell’archiviazione al millisecondo e ai delay di trasferimento necessari per far progredire il computing moderno”.

Fonti e approfondimenti

Condividi questo articolo

Disclaimer notizie

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile di altri siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Notizie scientifiche.it usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione (Leggi di più)

notiziescientifiche.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Dati articolo