Urbanizzazione sta cambiando la forma delle ali delle zanzare

Alla di una zanzara (credito: Pest and Diseases Image Library, Bugwood.org)

Da qualche anno si stanno analizzando con maggiore approfondimento varie specie di zanzare a causa del diffondersi di malattie quali la febbre di dengue, il virus Zika e la febbre gialla. Tra queste specie vi sono la Aedes aegypti e la Aedes aegypti, due tra i principali vettori di queste malattie. Poter controllare le popolazioni di queste zanzare, infatti, soprattutto in ambito cittadino, può rivelarsi fondamentale.

Un gruppo di ricerca brasiliano e statunitense si sta impegnando in particolare ad analizzare i cambiamenti microevolutivi, in particolare rispetto ai cambiamenti ambientali, che si verificano all’interno di queste specie, cambiamenti che possono far diminuire o far aumentare la popolazione.
Dopo aver raccolto varie centinaia di esemplari da 11 siti in tre aree della città di San Paolo, aree con diversi livelli di urbanizzazione, i ricercatori hanno notato una correlazione significativa tra i livelli di urbanizzazione e la forma delle ali.

A causa della selezione, alcune zanzare con una caratteristica forma delle ali si stanno adattando meglio rispetto alle altre come specifica anche Marrelli, autore dello studio e professore nel Dipartimento di epidemiologia della Sanità pubblica dell’Università di San Paolo ( FSP-USP): “Abbiamo riscontrato notevoli variazioni nella forma e nelle dimensioni dell’ala nelle popolazioni di A. cruzii nell’arco dei tre anni, cosa che suggerisce rapidi cambiamenti microevolutivi che probabilmente sono il risultato di forti pressioni selettive. È probabile che la biologia delle zanzare si sia evoluta in risposta ai disturbi nel suo habitat naturale, come osservato in questo studio in termini di variabilità della forma delle ali”.

Fonti e approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook