Uva può proteggere pelle da raggi ultravioletti e abbassare rischio di cancro della pelle

Credito: Free-Photos, Pixabay, 690230

L’uva potrebbe rivelarsi molto utile per proteggere la pelle dai danni della luce ultravioletta e quindi dal rischio di cancro della pelle secondo un nuovo studio apparso sul Journal of the American. Nel corso delle sperimentazioni di ricercatori dell’Università dell’Alabama, Birmingham, hanno effettuato, i soggetti che avevano consumato uva mostravano, infatti, una resistenza più efficace alle scottature solari e una riduzione di marcatori di danni provocati dalla luce ultravioletta a livello cellulare.

I ricercatori dell’Università americana, infatti, hanno somministrato a vari partecipanti circa 2,25 tazze di uva al giorno in polvere per 14 giorni. Misuravano poi l’efficacia della resistenza della pelle dei partecipanti alla luce ultravioletta prima e dopo aver consumato questa uva per un periodo di due settimane. In particolare determinavano il limite di radiazione ultravioletta che arrivava a provocare un arrossamento della pelle visibile dopo 24 ore, la cosiddetta “dose minima di eritema”.
Si accorgevano chiaramente che l’uva aveva un effetto protettivo e che una maggiore esposizione ai raggi ultravioletti era necessaria in quei soggetti che l’avevano consumata per provocare queste scottature.

“Abbiamo visto un significativo effetto fotoprotettivo con il consumo di uva e siamo stati in grado di identificare i percorsi molecolari attraverso i quali si verifica tale beneficio – attraverso la riparazione del danno al DNA e la sottoregolazione delle vie proinfiammatorie”, spiega Craig Elmets ricercatore principale dello studio.
Il consumo dell’uva, infatti, era collegato, come hanno scoperto ricercatori, ad un numero minore di cellule della pelle morte e ad una riduzione di cui marcatori che provocano infiammazione e che possono compromettere la funzione della stessa pelle portando poi al cancro.

Approfondimenti

Articoli correlati


Tag

Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un blog, non un sito di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Data articolo