Vampate di calore notturne collegate a stile di vita sedentario in nuovo studio

Una vita troppo sedentaria può essere collegata a probabilità più alte di vampate di calore notturno secondo sul sito menopause.org della North American Menopause Society (NAMS). Di solito le vampate di calore sono associate a quella fase della vita delle donne che porta alla menopausa. In diversi casi possono danneggiare la stessa vita quotidiana e in altri possono essere collegate a problemi più o meno gravi.

Vampate di coloro sono abbastanza comuni

Le vampate di coloro sono anche abbastanza comuni, come rileva il comunicato emesso oggi dalla NAMS, [1] visto che l’80% delle donne dichiara di averne. Alcuni studi, come rileva il comunicato, hanno collegato le vampate di calore a rischi maggiori di malattie cardiovascolari.
Un nuovo studio, prodotto da ricercatori dello Smith College, trova un’associazione tra la vita sedentaria e le vampate di calore notturne, un collegamento che non è mai stato davvero approfondito in passato.[1]

Donne in premenopausa, perimenopausa e menopausa

Di solito gli studi che hanno trattato questo collegamento si basavano su valutazioni riferite dagli stessi soggetti presi in esame e non su misurazioni oggettive.
Il nuovo studio ha preso in considerazione donne in premenopausa, perimenopausa (periodo che precede la menopausa) e menopausa.
Sarah Witkowski, una fisiologa e una delle autrici dello studio, spiega che le donne che si stanno avvicinando alla menopausa di solito vedono buona parte della propria giornata essere caratterizzata da comportamenti sedentari e quindi anche per questo è stato difficile trovare il collegamento.[1]
Lo studio sarà presentato alla conferenza annuale della NAMS che si terrà a Washington fino al 25 settembre di quest’anno.

Note e approfondimenti

  1. Il comportamento sedentario può aumentare le possibilità di vampate di calore notturne (IA)

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un blog, non un sito di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Data articolo