Via Lattea, scoperto enorme filamento che collega due bracci, l’onda Gangotri

Il filamento scoperto dai ricercatori collega il braccio della Norma con il braccio Near 3 kpc nell'area centrale della Via Lattea (credito: VectorMine, Shutterstock, ID: 1147477685) (vedi immagine completa)

Un team internazionale di ricercatori riporta la scoperta, in un nuovo studio pubblicato sull’Astrophysical Journal Letters, di una struttura dalla forma particolare che sembra collegare due dei bracci della nostra galassia.
La Via Lattea è una galassia a spirale: questo vuol dire che ha diversi bracci principali che partono dal centro e che sono quasi concentrici. Alcuni dei bracci non partono dalla zona centrale ma “spuntano” dagli stessi bracci principali, come dei “sottorami”.

Filamento unisce braccio della Norma al braccio minore 3 kpc

I ricercatori in questo caso hanno scoperto un filamento di gas, molto denso, sottile e lungo, che si estende dal braccio della Norma raggiungendo un braccio minore denominato braccio 3-kiloparsec (Near 3 kpc Arm o 3 kpc Arm). Si tratta di un braccio lontano dal centro galattico circa 3,3 kiloparsec. Fu scoperto negli anni 50 del secolo scorso; si sta allontanando lentamente dalla zona centrale della galassia e contiene circa 10 milioni di masse solari di gas.
I ricercatori, che hanno denominato questo lungo filamento, che si estende ad una distanza dal braccio della Norma tra 6000 e 13.000 anni luce, onda Gangotri.

Scoperta fatta con i dati del telescopio APEX

All’inizio, scartabellando tra i dati raccolti dal telescopio APEX a San Pedro de Atacama, Cile, stavano cercando solo nubi di monossido di carbonio freddo, un gas denso, quando hanno scoperto un filamento con un livello di ondulazione insolito.
Il filamento, infatti, sembra effettuare un’oscillazione in su e in giù, come una sorta di zig-zag o onda sinusoidale, per migliaia di anni luce.

Origine sconosciuta

Il filamento di gas si estende dalla zona centrale della galassia verso l’esterno per diverse migliaia di anni luce collegando il braccio principale della Norma al braccio secondario 3 kpc. I ricercatori non hanno compreso come si sia formata quest’onda ondulatoria anche se queste sottostrutture dei bracci principali della nostra galassia sono già state analizzate in passato. Semplicemente non c’è un consenso scientifico sui meccanismi che le generano; tra le ipotesi ci sono fenomeni come l’autogravità, fenomeni di instabilità magnetica o effetti di ritorno causati da una supernova in passato.

Note e approfondimenti

  1. A Kiloparsec-scale Molecular Wave in the Inner Galaxy: Feather of the Milky Way? – IOPscience (DOI: 10.3847/2041-8213/ac341f)

Articoli correlati


Tag

Condividi questo articolo


Data articolo