Vino prima della birra o birra prima del vino? Non importa, effetti della sbornia saranno gli stessi

La maggior parte delle persone a un certo punto della loro esperienza di vita proveranno uno dei tanti aspetti negativi del bere in eccesso: i postumi della sbornia. È importante sottolineare che i postumi di una sbornia possono portare a una ridotta produttività, a prestazioni compromesse (incluso lavoro mancante o prestazioni insufficienti) e persino a rischi per le attività quotidiane come guidare o utilizzare macchinari pesanti.

I sintomi di una sbornia si verificano quando dopo che le concentrazioni di alcol nel sangue sono superiori al normale tornano a zero. Sorprendentemente, il fenomeno non è particolarmente noto, anche se si pensa che le cause di fondo possano includere la disidratazione, la nostra risposta immunitaria e le alterazioni del nostro metabolismo e dell’ormone.
È probabile che i postumi di una sbornia siano influenzati da ingredienti diversi dal puro contenuto di alcol. Si pensa che i coloranti e gli aromi possano aggravare i postumi della sbornia, il che potrebbe spiegare perché, alla stessa concentrazione alcolica, il bourbon provoca una sbronza più grave della vodka.

Non ci sono rimedi efficaci per i postumi di una sbornia ma le società sembrano fare affidamento su rimedi popolari e vecchi detti popolari. Alcuni di questi detti esistono in inglese includono “Grape or grain, but never the twain”, mentre i francesi dicono “Bière sur vin venin, vin sur bière est belle manière”.

Ci sono poche prove disponibili per supportare o confutare questi detti, quindi, per porre fine a questa incertezza, i ricercatori della Witten / Herdecke University in Germania e dell’Università di Cambridge nel Regno Unito hanno valutato scientificamente se questa saggezza storica possa davvero ridurre un carico di postumi di sbornia.
I risultati del loro studio sono stati pubblicati oggi sull’American Journal of Clinical Nutrition.

Novanta volontari, di età compresa tra i 19 ei 40 anni, sono stati reclutati e divisi in tre gruppi. Il primo gruppo ha consumato circa due litri e mezzo di birra, seguiti da quattro grandi bicchieri di vino.
Il secondo gruppo ha consumato la stessa quantità di alcol, ma in ordine inverso. I soggetti nel terzo gruppo, quello di controllo, hanno consumato solo birra o solo vino.

La grande forza di questo studio è stata il suo stile crossover: una settimana dopo, i partecipanti ai gruppi di studio uno e due sono stati passati all’ordine opposto. I soggetti del gruppo di controllo che hanno bevuto solo birra la prima volta hanno ricevuto solo vino il secondo giorno di studio (e viceversa).
In questo modo, i gruppi non erano solo paragonati tra loro, ma anche ciascun partecipante poteva essere controllato.

Ai partecipanti è stato chiesto del loro benessere a intervalli regolari e gli è stato chiesto di giudicare il loro livello percepito di ubriachezza su una scala tra 0 e 10 alla fine di ogni giorno di studio.
Prima di andare a letto, tutti i partecipanti hanno ricevuto una quantità personalizzata di acqua potabile refrigerata la cui quantità era misurata rispetto al loro peso corporeo. Tutti i volontari sono stati tenuti sotto controllo medico durante la notte.

Il giorno seguente, i partecipanti sono stati invitati a parlare dei loro postumi della sbornia e hanno assegnato un punteggio compreso tra 0 e 56 (la cosiddetta Acute Hangover Scale) sulla base di fattori quali sete, affaticamento, mal di testa, vertigini, nausea, mal di stomaco, aumento della frequenza cardiaca e perdita di appetito.

I ricercatori hanno scoperto che nessuno dei tre gruppi aveva un punteggio di sbornia significativamente differente con diversi ordini di bevande alcoliche. Le donne tendevano ad avere una sbornia leggermente peggiore degli uomini.
Sebbene né i test del sangue e delle urine, né fattori quali l’età, il sesso, il peso corporeo, le abitudini e la frequenza di sbornia, hanno contribuito a prevedere l’intensità della sbornia, il vomito e l’ubriachezza percepita sono stati associati a postumi di sbornia più pesanti.

“Usando vino bianco e birra chiara, non abbiamo trovato alcuna verità nell’idea che bere birra prima del vino ti possa regalare una sbornia più mite rispetto al contrario”, afferma il primo autore Jöran Köchling della Witten / Herdecke University.

“La verità è che bere troppo qualsiasi bevanda alcolica rischia di provocare una sbronza. L’unico modo affidabile di prevedere quanto ti sentirai infelice il giorno dopo dipende da quanto ti senti ubriaco e se sei malato. Dovremmo tutti prestare attenzione a queste bandiere rosse quando beviamo.”

Il dott. Kai Hensel, un ricercatore clinico presso l’Università di Cambridge e autore principale dello studio, aggiunge: “Anche se i postumi di una sbornia sono spiacevoli, dovremmo ricordare che hanno un importante beneficio, almeno: sono un segnale di avvertimento protettivo che certamente hanno aiutato gli esseri umani nel corso dei secoli a cambiare il loro comportamento futuro. In altre parole, possono aiutarci a imparare dai nostri errori”.

La dott.ssa Hensel dice che c’erano due ragioni dietro questo studio. “In primo luogo,” dice, “un risultato chiaro a favore di un particolare ordine potrebbe aiutare a ridurre i postumi di sbornia e aiutare molte persone a trascorrere una giornata migliore dopo una lunga nottata, anche se incoraggiamo le persone a bere responsabilmente. Sfortunatamente, abbiamo scoperto che non c’era modo di evitare l’inevitabile sbornia semplicemente favorendo un ordine piuttosto che un altro”.

“Ma questo studio voleva anche mostrare, in un modo amichevole per il pubblico, come uno studio rigorosamente condotto possa fornire una risposta solida a una domanda specifica e allo stesso tempo essere coinvolgente. Speriamo che possa aiutare a ispirare la prossima generazione di giovani medici e ricercatori ad essere coinvolti in un ambiente orientato alla ricerca”.

Il testo di questo articolo è stato tradotto in italiano dal testo pubblicato qui sotto licenza Creative Commons — Attribution 4.0 International — CC BY 4.0 ed è dunque disponibile secondo la stessa licenza.

Fonti e approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un sito di notizie, non di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Dati articolo


Resta aggiornato su Facebook