Virus Borna trasmesso da toporagni, identificati casi mortali in Germania

Un team di ricercatori tedeschi ha identificato otto casi di virus Borna (famiglia Bornaviridae), un virus trasmesso dai toporagni, in otto pazienti ricoverati tra il 1999 e il 2019 per encefalite.
Come riferito nello studio apparso su The Lancet Infectious Diseases, questi casi sono stati registrati tutti nella Germania meridionale. In particolare casi si sarebbero diffusi soprattutto tra persone di aree rurali.

Il virus è trasmesso dal toporagno (famiglia dei soricidi), un mammifero simile ad un topo diffuso un po’ in tutto il globo. È considerato uno dei più piccoli mammiferi esistenti.
Secondo i ricercatori questi animali avrebbero trasmesso il virus ai gatti domestici e questi a sua volta li avrebbero trasmessi ai padroni o comunque agli esseri umani.

Tra i sintomi dell’infezione ci sono mal di testa, stato confusionale, febbre, convulsioni e perdita di memoria nonché, nei casi più gravi, perdita di coscienza.
Tutti gli otto i pazienti analizzati dai ricercatori sono morti da 16 a 57 giorni dopo il ricovero.

Proprio per questo i ricercatori ritengono che l’infezione da virus Borna debba essere considerata una malattia grave e potenzialmente letale per gli esseri umani, come riferisce Barbara Schmidt dell’Università di Regensburg.
Inoltre, non si sa perché, sembra essere passato totalmente inosservato per quanto riguarda le infezioni nell’uomo.

Sebbene raro, questo virus potrebbe essere comunque la causa di casi ancora inspiegabili di encefalite gravi, come fa comprendere Martin Beer dell’istituto Friedrich-Loeffler, altro autore dello studio.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un sito di notizie, non di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Dati articolo


Resta aggiornato su Facebook